Cosa posso fare con una laurea in scienze forensi

biologo forense

Le scienze forensi rappresentano un insieme di materie che vanno a studiare le tracce del crimine, ed è un settore in continua crescita visto che ha saputo diventare di fondamentale importanza nei processi penali dove è necessaria la consulenza tecnica di esperti in materie scientifiche.

Proprio perché ha saputo incarnare questa esigenza professionale la figura del consulente tecnico esperto in Scienze Forensi deve necessariamente dimostrarsi all’altezza del ruolo specializzandosi quanto più possibile nella propria disciplina.

Chi è l’esperto in scienze forensi

Questa tipologia di tecnico professionista va a studiare il fenomeno criminoso nella sua complessità, sia dal punto di vista sociale che dal punto di vista psicologico e giuridico.

Gli esperti in scienze forensi, spesso chiamati anche criminologi, hanno raggiunto gradi molto alti di popolarità grazie a serie tv, cinema e fiction che sono state dedicate a questa figura.

Ma il mestiere vero e proprio del criminologo è piuttosto complesso e bisogna mettere in conto che necessita di un ampio ventaglio di competenze, oltre alla passione e alla predisposizione per la materia.

La criminologia studia a fondo il fenomeno criminale da ogni punto di vista e per fare ciò è necessario comprendere le azioni del criminale nella loro interezza: riconducendole all’ambiente in cui il delinquente si è formato, ai tratti della personalità, al Paese d’origine, la cultura…

Insomma un esperto in scienze forensi, nell’analizzare un caso, deve necessariamente essere in grado di maneggiare in maniera abile tutta una serie di materie, compresi il quadro normativo e giuridico.

Che cosa studia l’esperto forense

Per diventare criminologi è necessario affrontare un percorso di studi molto preciso seppure di ampio respiro. Tendenzialmente si inizia con una laurea in psicologia, sociologia, giurisprudenza, medicina o scienze politiche.

Infatti grazie a questo tipo di percorso si è già “dentro il percorso di studi”, o almeno dentro ad un aspetto della materia forense. Questi percorsi didattici infatti prevedono degli esami di base che permetteranno, eventualmente, di continuare con una laurea specialistica o con un master in criminologia o scienze forensi.

A tutto questo poi si dovranno aggiungere anche abilità e competenze investigative e informatiche. Non è un mistero infatti che si stia sviluppando molto rapidamente una specializzazione inerente al mondo digitale.

Si tratta infatti del digital forensics, ovvero la materia di cui si occupa un esperto di fenomeni criminosi legati in particolare all’ambito informatico, digitale e virtuale.

Cosa può fare un esperto forense

Gli sbocchi professionali per un criminologo sono davvero molti e con il tempo si stanno moltiplicando. Nell’essenza, quella dell’esperto in scienze forensi, è una figura che funge da supporto nella gestione e nello sviluppo di un caso investigativo.

Il criminologo può svolgere la sua professione sia come libero professionista sia che inquadrato in un ruolo alle dirette dipendenze di un preciso datore di lavoro.

Il suo raggio di azione si sviluppa, come abbiamo anticipato poco sopra, nel settore giuridico, psicologico e forense per cui i suoi “datori di lavoro” possono essere molti.

Può, ad esempio, essere coinvolto in un procedimento penale per conto di un avvocato o di un magistrato, così come potrebbe essere impiegato nelle istituzioni carcerarie e nei tribunali di sorveglianza o nei carceri per minori.

Ma un criminologo potrebbe operare anche per conto di enti locali o per progetti finalizzati alla prevenzione della criminalità, o svolgendo un ruolo sociale come ad esempio fungendo da supporto per le vittima di violenza.

L’esperto forense oggi e domani

Come visto dunque l’esperto di scienze forensi può lavorare come consulente di parte per conto degli avvocati, oppure come consulente tecnico dei Pubblici Ministeri o ancora come perito del Giudice nei processi penali.

Le sue funzioni possono essere molteplici e può trattare le materie di sua conoscenza in ambiti, contesti e angolazioni differenti. In questa ottica va sottolineata per il criminologo di oggi giorno l’impossibilità di trascurare l’aspetto mediatico e comunicativo.

Infatti un esperto forense deve saper padroneggiare perfettamente, in udienza o in pubblico, l’arte comunicativa al fine di trasmettere al meglio i risultati delle sue analisi tecniche.

Tra l’altro è importante rilevare anche che sono sempre più i criminologi che utilizzano le proprie capacità comunicative per orientarsi in ambito giornalistico e televisivo al fine di migliorare la precisione dell’informazione.

Anche in questo contesto infatti il ruolo dell’esperto in scienze forensi è quello di un consulente che vada a dirimere le perplessità, a tradurre efficacemente i fatti investigativi.

E’ anche questo un ruolo sempre più importante visto che consente la divulgazione di una informazione giornalistica più corretta e che non vada ad ostacolare imprudentemente, con inchieste e quant’altro, le indagini in corso.

La figura del criminologo sta dunque maturando sempre una maggior stima e fiducia presso il grande pubblico. Negli ultimi vent’anni le iscrizioni ai corsi di criminologia si sono moltiplicate a dismisura.

E’ curioso notare che nonostante la figura professionale dell’esperto in scienze forensi sia in continua crescita, nel nostro Paese, non esiste ancora un ordine professionale dei criminologi.